Principi personali

 

Al primo posto nel mio sentire metto questa frase: per fare ogni cosa bisogna non solo crederci ma avere dei principi da seguire. 

Nel Movimento non ci si candida per denaro, per potere ne per ambizione personale. E' un servizio verso il mondo e l'Italia, è un percorso interiore che porta l'individuo a misurarsi con 28 Paesi di diverse culture, speranze, interessi e bisogni.

Quindi io sarò fedele ai seguenti principi personali:

Etica: il mio comportamento sarà fedele alla mia onestà intellettuale e morale, (ogni persona ha dirrito ad essere trattata con dignità ed ascoltata).  Fedele ai principi del Movimento in cui mi rispecchio completamente; Ovvero, impegnarsi contro ogni forma di corruzione e lobbismo, contro la manipolazione dell'informazione, contro ogni forma di lesione della dignità umana, cuturale, alimentare e sociale. Non accetterò mai un potere pre-costitutito e che mi imponga: "è già deciso così".  Metterò tutte le mie energie in ogni contesto in cui anche una sola voce discordante e dissonante, fuori dal coro o dal gregge possa apportare saggezza e migliorare il mondo.

Onesta: non accetterò denaro non dichiarato, di cui non si conosca fonte oltre al mio stipendio e le regole fondamentali ed assolute del Movimento 5 Stelle.  Donerò la mia diaria ai progetti di beneficenza della Fondazione "Mondo Onesto" che si occupa di orfani in siberia, od altra fondazione purchè non sostenuta da Lobby internazionali e mi decurterò autonomamente lo stipendio per sostenere i bisogni delle persone indigenti. " Non posso essere felice se il mio vicino soffre".

Competenze: studierò tutto quello che dovrò studiare per apportare miglioramenti ad ogni proposta che farò con il Movimento Cinque Stelle a Bruxelles. Sarò sempre ed a prescindere contrario a: Euro dittatura, Nucleare, OGM, tagli al sistema sociale di qualsiasi Paese europeo, Limitazione alle libertà di stampa, riunione, pensiero ed azione, qualsiasi guerra, acquisto di armi e finte missioni di pace. Sarò inoltre sempre schierato contro ogni forma di controllo mediatico, bancario e informatico.

Democrazia. La voce delle persone è più importante dei potenti che stanno a palazzo ed il referendum è l'arma principale che intendo usare oltre ad una libera e puntuale informazione sul web.

 

Questi soni i miei semplici principi su cui non scenderò mai a compromessi. Stefano Cobello